in ricordo di Giuseppe


img 02

Il Dott. Giuseppe Morabito è nato a Firenze il 16 aprile 1964. Laureatosi in Scienze Biologiche nel 1988 presso l’Università di Milano, ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Ecologia nel 1993 presso l’Università di Parma.

Ricercatore presso l’Istituto per lo studio degli ecosistemi del Consiglio Nazionale delle Ricerche, sede di Verbania Pallanza (Italia) dal 15 ottobre 2001.

Altri incarichi:

  • Membro del Gruppo di lavoro - laghi per il recepimento della Direttiva Europea sull’Acqua (2000/60/CE) in qualità di esperto;
  • Membro del Gruppo Nazionale per la gestione del rischio Cianobatteri in acque destinate al consumo umano;
  • Tesoriere dell’Associazione Italiana di Oceanografia e Limnologia (A.I.O.L.);
  • Membro italiano del comitato della Federazione Europea sulle scienze delle acque dolci;
  • Co-editore del Journal of Limnology
  • E’ stato autore di più di un centinaio di pubblicazioni scientifiche

 

Da sempre l’oggetto principale dei suoi studi era il fitoplancton, con particolare attenzione ai laghi situati nell'Italia settentrionale. Dalle questioni ambientali legate all'eutrofizzazione e all'inquinamento industriale i suoi interessi di ricerca si sono ampliati considerando l'impatto del clima sulle dinamiche spazio-temporale del fitoplancton mediante l’analisi di serie di dati a lungo termine, lo sviluppo di indici biotici basati sul fitoplancton, le relazioni tra struttura e funzioni tra i diversi gruppi algali. Le sue ricerche recentemente, si sono rivolte all'applicazione delle tecniche di telerilevamento e alla raccolta di dati ad alta frequenza mediante sensori come strumento per il monitoraggio delle fioriture algali.

img 03 img 04 img 05

 

img 06

img 07

Di Giuseppe ci mancherà tutto, dalla sua serietà e competenza nel lavoro, al suo sorriso e alla sua ironia, al grande entusiasmo che metteva sia nelle attività sul campo che in quelle di laboratorio. In lui le grandi capacità si univano a un’innata modestia, oltre che a uno spirito sempre positivo e ottimista. Anche nei suoi ultimi giorni, ai nostri messaggi con cui cercavamo di tramettergli la nostra vicinanza, rispondeva così: “Grazie! Gli incoraggiamenti fanno sempre piacere e danno energie positive”.
Grazie di tutto Giuseppe! Il nostro compito ora è portare avanti il tuo lavoro, nel limite delle nostre possibilità, con l’entusiasmo e la passione che ci mettevi tu.

Il nostro Giuseppe era innamorato del suo lavoro che svolgeva con profonda dedizione. La sua attività di ricerca è sempre stata approfondita e brillante, mai superficiale. Grandi sono stati il suo intuito e la sua competenza, infatti era ed è considerato uno dei maggiori esperti europei nel campo del fitoplancton!
Il suo ricordo sarà sempre vivo perché chi lo ha conosciuto ed avuto come Collega ed Amico è rimasto colpito dalla sua abilità come ricercatore unita a doti umane altissime. Una persona mite ed elegante che infondeva serenità e coraggio. Sicuramente un esempio da seguire che ha lasciato una testimonianza da ricordare ed onorare.





In questo mese tanti sono stati i pensieri e i messaggi ricevuti in ricordo di Giuseppe, molti li trovate a questo LINK, qui di seguito ne vogliamo riportare alcuni:

il messaggio letto dalla Dr.ssa M. Manca il giorno delle esequie (14/07/2017) In ricordo di Giuseppe
A volte, la vita ci regala il privilegio di frequentare persone speciali, persone che con la loro presenza illuminano il mondo, lo rendono migliore. Ecco, a noi, colleghi e amici di Giuseppe, è toccato questo privilegio: abbiamo potuto in anni di vita vissuta all’Istituto di Pallanza, godere della sua presenza, della sua collaborativa, mai supponente competenza scientifica, del tocco lieve della sua figura, mai invadente, sempre cortese, gentile, affabile, discreta e nel contempo attenta, illuminante, sagace.
Nel corso degli anni sono state tante le occasioni nelle quali abbiamo avuto modo di apprezzare appieno le qualità di Giuseppe- e negli ultimi tempi avevamo anche imparato a chiamarlo Peppe, come lo chiamavano i suoi amici più stretti e i familiari-e di conquistarne la preziosa amicizia.
Sarà sempre vivo in noi il ricordo di quei momenti e del suo modo unico di essere ricercatore di altissima levatura e insieme persona di grandissima qualità e spessore. Le due doti solo in rarissimi casi viaggiano insieme, arricchendosi l’una con l’altra e fornendo linfa vitale per alimentare sapere e conoscenza, crescita umana e civile.
Questo era per noi Giuseppe, questo egli ci lascia in eredità: il modo di essere grandi nella scienza come nell’umanità.

img 08


L’Ufficio stampa del CNR ha voluto ricordare Giuseppe cosi
Ciao Marina,
ieri abbiamo pubblicato sulla home page del sito Cnr un video in ricordo di Giuseppe Morabito e abbiamo anche messo un link ad un articolo della Stampa uscito oggi.
Un caro saluto Sandra Fiore

(LINK http://www.cnrweb.tv/le-fioriture-algali-monitorate-dallo-spazio/)


Subject: Un ricordo della Rete per Giuseppe
From: LTER Italy
Date: 13/07/2017 09:45
Care colleghe e cari colleghi della Rete LTER Italia,
è con infinita tristezza che vi informiamo che ieri è mancato Giuseppe Morabito, ricercatore dell'Istituto per lo Studio degli Ecosistemi del CNR, responsabile dei siti Lago Maggiore e Lago di Candia.
Giuseppe è stato un appassionatissimo ricercatore, con competenze e ricerche sul fitoplancton, sulle dinamiche trofiche degli ecosistemi acquatici, sugli indici di qualità. Ha sviluppato studi ed analisi di lungo termine, contribuendo significativamente alle attività della rete LTER, in particolare negli ultimi anni.
Per il progetto eLTER-H2020 è stato il coordinatore delle visite di accesso transnazionale al sito Lago Maggiore, che hanno avuto grande successo nelle richieste dall'estero.
Ci piace qui ricordare il suo entusiasmo, contagioso, e la sua continua e instancabile ricerca per la comprensione dei meccanismi ecologici alla base del funzionamento degli ecosistemi acquatici. Chi lo ha conosciuto personalmente, e ha avuto modo di lavorare insieme a lui, porterà con sé la capacità di Giuseppe di trasmettere serenità, la passione per la ricerca e la forza di andare oltre le difficoltà. In queste evenienze si usa augurare "Ti sia lieve la terra": per Giuseppe ci sentiamo di dire "Ti sia lieve l'acqua".
La nostra vicinanza e un abbraccio ai colleghi di Pallanza, a cui chiediamo di trasferire le nostre sentite condoglianze alla famiglia.
Giorgio Matteucci e il Comitato di Coordinamento della Rete LTER – Italia

img 09a


From: Stefano Ventura
Date: 13/07/2017 02:48
Cari Colleghi,
La morte di Giuseppe mi addolora profondamente. Ricordo con commozione la sua cordialità, la sua gentilezza e la sua delicatezza. La sua persona e il suo apporto scientifico mancheranno a tutti in Istituto. Un caro saluto, Stefano


From: Roberto Pini
Date: 13/07/2017 09:45
Insieme ai colleghi di Pisa, esprimo il nostro dolore per la morte di Giuseppe, del quale ricordiamo i tratti di gentilezza e cortesia che lo contraddistinguevano, insieme alla sua competenza scientifica. Un caro saluto roberto


From: Gianni Tartari
Date: 13/07/2017 21:03
To: direttore(at)ise.cnr.it
Caro Direttore, con profondo dispiacere ho ricevuto la notizia della prematura perdita di Giuseppe Morabito.
Per l'amicizia che mi ha legato a Giuseppe fin dai suoi primi passi all'ISE, ma ancor più per la profonda stima che nutro nei confronti del formidabile lavoro che ha sviluppato continuando ed accrescendo il già enorme patrimonio di conoscenze sviluppate dal suo mentore Delio Ruggiu.
Per questo e per lo stretto legame che mantengo da sempre con l'istituto dove mi sono formato ti invio le mie sentite condoglianze pregandoti di estenderle alla famiglia e a tutti i Colleghi.
Gianni Tartari
Senior Research Associate
Water Research Institute (IRSA-CNR)
National Research Council


From: Thomas Whitmore
To: PALEOLIM(at)LISTS.UFL.EDU
Dear colleagues:
Piero Guilizzoni requested that I circulate the attached tribute and photo of Giuseppe Morabito, a recently deceased colleague from the CNR - Institute for Ecosystem Study in Italy. The attached tribute was written by Marina Manca. Piero added in a letter to me:
"Giuseppe Morabito, a phytoplankton researcher, died at the age of 53, leaving his wife Paola and two very young girls. He fought cancer for about 3 years. Colleagues from all Italy arrived here on Lake Maggiore to his funeral. A treasured colleague quiet and friendly, helpful, not boastful, and competent. If you were here you could see melancholy in the eyes of people crossing the Institute. Tomorrow, as he wills, his ashes will be scattered from a boat in Lake Maggiore, a lake he has studied a lot. Giuseppe published with me, Andrea, and others the paper by Taranu et al. on cyanobacteria, in Ecology Letters. One month ago Giuseppe attended and closed a Project called Blasco (please, watch this video, good for students on cyanobacteria distribution observed from satellites; http://www.cnrweb.tv/le-fioriture-algali-monitorate-dallo-spazio/
If you have colleagues at CNR - Institute for Ecosystem Study, you might wish to express condolences to family and friends for the loss of Giuseppe Morabito.
Sincerely,
Tom Whitmore
The Paleolimnology Forum (PALEOLIM)


Da Fabio Lepori, ricercatore della SUPSI (Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana)
Cari colleghi,
Ho saputo oggi della scomparsa di Giuseppe.
Ci siamo incontrati poche volte ma l'ho sempre trovato una persona così dolce e gentile. Mi sento molto triste, come immagino tutti voi a Pallanza.
Mi mancherà e mi sento vicino al vostro dolore.
Fabio Lepori


From: Prof. Rosa Galvez
Cari amici,
My Italian is not good enough to say with words how sad, astonished and shocked I was to learn the sudden departure of Giuseppe. Nature don’t usually take men at their mid life.
I saw melancholy in the eyes of people I briefly crossed today, I know you loss a colleague and friend.
Hope time will help in healing the void Giuseppe clearly leaves at the ISE.
Please extend my sympathies to other colleagues at ISE (I don’t have all your emails) and also to Giuseppe’s family.
Sincerely!
Prof. Rosa Galvez, Ph.D., P. Eng.
Department of Civil and Water Engineering
Laval University, Quebec


L’Associazione Italiana di Oceanografia e Limnologia (AIOL) ha intitolato un premio dedicato alla memoria di Giuseppe
http://www.aiol.info/premio-giuseppe-morabito/


img 10