Conferenza finale BLASCO

Verbania Intra (VB) - Il Chiostro, Via Fratelli Cervi, 14
15 giugno 2017 - ore 10.30-16.30

Contatti:
Segreteria CNR-ISE - Tel:+39 0323 518300 - email: segreteria(at)ise.cnr.it

Locandina

Tra gli effetti nocivi dell'eutrofizzazione delle acque, vi sono le fioriture algali, che possono comprendere anche organismi tossici: questi eventi sono in aumento nelle acque di tutto il mondo, accelerati anche dai cambiamenti climatici e determinano costi notevoli per spese sanitarie, per il trattamento delle acque destinate al consumo umano, oltre a causare danni economici considerevoli per l'industria turistica.
Un sistema di monitoraggio della qualità delle acque, che opera su larga scala e ad elevata frequenza, permetterebbe di tenere sotto controllo l'evoluzione di una fioritura.
Il progetto BLASCO, iniziato ad aprile 2015, è finalizzato alla messa a punto di tecniche mirate all'identificazione specifica di organismi fitoplanctonici potenzialmente tossici nei laghi. Attraverso misure di laboratorio e raccolta di dati sul campo, si vuole arrivare a mettere a punto un metodo per interpretare le immagini da satellite, al fine di individuare e seguire lo sviluppo di fioriture di organismi potenzialmente tossici. L'osservazione da satellite consente di ottenere informazioni sinottiche con cadenza multitemporale, che, integrate alle conoscenze di laboratorio e al monitoraggio in situ, possono permettere una completa conoscenza dei fenomeni di fioritura algale.

In quest'occasione verranno presentati i risultati ottenuti nel corso di due anni di lavoro, illustrando le attività sperimentali e le campagne di monitoraggio condotte sui laghi Maggiore, Varese, Mantova e altri laghi interessati da fioriture di cianobatteri, presentando mappe tematiche degli eventi di fioritura, prodotte tramite l'utilizzo di immagini dei satelliti di nuova generazione.

Considerato il numero limitato di posti a disposizione, si chiede conferma dell'interesse a partecipare all'indirizzo:

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

BLASCO è sul web all'indirizzo www.projectblasco.it

Sarà possibile seguire l'evento in diretta streaming collegandosi al sito https://live.cnr.it/liveVerbaniaISE.html.

Immagine1

Inquinamento atmosferico e sostenibilità: dagli impatti a possibili soluzioni - Un approccio integrato

Roma - ENEA, Via Giulio Romano 41, 16-17 marzo 2017

Contatti:
Dott.ssa Michela Rogora - Tel: +39 0323 518300 - email: m.rogora(at)ise.cnr.it
Riferimento ENEA Dott.ssa Alessandra De Marco, ENEA - email: alessandra.demarco(at)enea.it

airpollutionimpactsbrochurecover

L'inquinamento atmosferico è riconosciuto come il principale rischio ambientale per la salute umana e rappresenta ormai una urgente questione sociale.
L'ENEA organizza due giornate informative dal titolo: "Inquinamento atmosferico e sostenibilità: dagli impatti a possibili soluzioni - Un approccio integrato".
Il convegno rappresenta un'occasione per riunire tutti i gruppi che lavorano alla riduzione degli impatti degli inquinanti sugli ecosistemi e si pone come obiettivo quello di organizzare gruppi di lavoro trans-disciplinari, per migliorare le conoscenze e le interconnessioni ed individuare nuovi filoni di sviluppo e ricerca.
All'evento, patrocinato dal Ministero dell'Ambiente e della difesa del Territorio e del Mare, parteciperanno anche alcuni ricercatori dell'Istituto, da anni National Focal Point per il programma di monitoraggio delle acque.

Maggiori informazioni sono disponibili al seguente link:
http://www.enea.it/it/comunicare-la-ricerca/events/inquinamento/atmosferico16marzo

Gli oligocheti degli ambienti lacustri

Verona - Dipartimento Provinciale ARPA Veneto di Verona, Via A. Dominutti 8, 13-16 febbraio 2017

Contatti:
Segreteria CNR-ISE - Tel:+39 0323 518300 - email:segreteria(at)ise.cnr.it
Coordinatore logistico-organizzativo Dott. Gianluca Girardi, ARPA Veneto - email:gianluca.girardi(at)arpa.veneto.it

Locandina 2017

I macroinvertebrati bentonici sono considerati elementi di qualità biologica per la classificazione dei corpi idrici (Direttiva 2000/60/CE) attraverso l'applicazione di indici che si basano sulla composizione tassonomica della comunità (abbondanza e diversità) e sulla presenza di taxa sensibili/tolleranti.

Nell'ambiente lacustre essi vivono all'interno del sedimento o su di esso e sono costituiti prevalentemente da Chironomidi e Oligocheti.
Il CISBA nell'ambito della diffusione qualificata delle metodiche di caratterizzazione dei laghi, ha organizzato, in collaborazione con ISE-CNR e ARPA Veneto, un corso dedicato alla determinazione degli Oligocheti degli ambienti lacustri.
Il corso, in parte tenuto in lingua inglese, prevede presentazioni sulle caratteristiche morfologiche, biologiche ed ecologiche degli Oligocheti e giornate di approfondimento sulla tassonomia e preparazione vetrini.

Banner

Kick-off meeting IdroLIFE

Verbania Pallanza (VB) - CNR ISE, Largo Tonolli 50
8 febbraio 2017 - ore 9.30-14.30

Contatti:
Pietro Volta CNR-ISE - Tel:+39 0323 518300 - email: p.volta(at)ise.cnr.it
Alessandra Ippoliti Graia srl - Tel:+39 0332 961097 - email: alessandra.ippoliti(at)graia.eu

Locandina IDROLIFE

Il Verbano Cusio Ossola (VCO), territorio ricco di torrenti e laghi, è naturalmente vocato ad ospitare un gran numero di specie acquatiche, alcune delle quali hanno una notevole importanza naturalistica, ecologica ed ambientale tanto da essere inseriti nelle liste delle specie da conservare a livello Europeo, riportate nella Direttiva Habitat (92/43/CEE). La presenza di numerosi fattori di pressione, tra i quali spiccano le modificazioni degli habitat acquatici, la diffusione di specie ittiche esotiche e i recenti cambiamenti climatici hanno svolto un ruolo di primo piano nel mettere a rischio la fauna ittica ed astacicola del VCO con effetti maggiori sulle specie più sensibili, quali la trota marmorata (Salmo marmoratus), il pigo (Rutilus pigus), la savetta (Chondrostoma soetta), il gambero d'acqua dolce autoctono (Austropotamobius pallipes). Ripristinare e conservare la fauna acquatica del VCO è non soloun dovere, ma anche una occasione per favorire lo sviluppo locale, basato sulla valorizzazione delle risorse naturali e il turismo sostenibile e responsabile. Il progetto IdroLIFE nasce grazie all'unione di partner pubblici e privati con la stessa sensibilità per l'ambiente. L'Unione Europea, ha riconosciuto l'importanza degli obiettivi di IdroLIFE e ha deciso di cofinanziarlo attraverso i fondi LIFE Natura, fondi specificatamente dedicati a progetti mirati alla conservazione di specie ed habitat di interesse europeo e dunque prioritari. IdroLIFE è uno dei 5 progetti finanziati al Bando 2015 del Programma Life-Natura; un motivo in più questo di orgoglio e di stimolo per tutti i soggetti coinvolti a fare del proprio meglio per il successo del progetto.

In occasione dell'evento, è stato realizzato un servizio su VCO Notizie visionabile al seguente link:
https://www.youtube.com/watch?v=sPM3x_bayZk