24 Mar. 2015 - Maurizio Casiraghi

Seminar Maurizio Casiraghi

Identificare cosa?
Le entità biologiche nell'era della next generation

Presenta: Maurizio Casiraghi
Università degli Studi di Milano Bicocca

Identificare organismi biologici è un'attività considerata oggi obsoleta e non in grado di attrarre finanziamenti e nuovi studenti interessati. Eppure tutto questo genera un paradosso: da un lato le direttive internazionali sottolineano come la biodiversità rappresenti un valore universale, dall'altro non si fa abbastanza per supportare la formazione e gli enti preposti allo studio della biodiversità.
Negli ultimi anni alcune tecniche molecolari si sono imposte come portatrici di importanti innovazioni nel mondo della ricerca tassonomica. Facciamo un punto della situazione con Maurizio Casiraghi, che da anni lavora su queste tematiche da un punto di vista sia speculativo che applicativo.

click to download notice of seminar

3 Mar. 2015 - Sandra Casellato

 Seminar Sandra Casellato

Nuovi inquilini delle acque dolci in Italia

Presenta: Prof.ssa Sandra Casellato
Dipartimento di Biologia, Università di Padova

L’introduzione di specie animali alloctone nelle acque interne italiane è un fenomeno che, anche se non ha raggiunto la gravità di certe situazioni del Nord America, desta serie preoccupazioni per l’impatto sulla biodiversità dei nostri laghi e corsi d’acqua in genere.
Una prima lista di xenodiversità animale nelle acque interne del nostro paese è stata stilata nel 2008, ma sicuramente la situazione va progressivamente peggiorando, come inevitabile conseguenza della globalizzazione dell’economia e dell’intensificazione del commercio internazionale.
I continenti di origine delle specie alloctone sono soprattutto Asia, Nord America e il resto dell’Europa, mentre le regioni dove la xenodiversità appare più elevata sono quelle del Nord e del Centro Italia. Attualmente, disponiamo di una sufficiente conoscenza riguardo all’impatto che queste specie esercitano sugli ecosistemi naturali in cui si sono insediate. Alcune di queste, incluse nella short list delle più pericolose (100 worst species) stilata dal consorzio DAISE (Delivering Alien Species Invetories for Europe) sono largamente diffuse negli ecosistemi acquatici del Nord Italia.

click to download notice of seminar

24 Feb. 2015 - Sara Fratini

Seminar Sara Fratini

The present and future life of mangrove forests

Presenta: Sara Fratini
Università di Firenze

Mangrove forests cover a considerable part of the world’s tropical and subtropical coasts. They are among the most productive ecosystems, providing substantial goods and services for local populations and planet. They also host a unique fauna and flora, highly specialized for living in these intertidal forests. Nevertheless, these forests are also considered amongst the most vulnerable and endangered ecosystems in the world, due to a range of human pressures including clearing for coastal development, conversion for agriculture and aquaculture, and overexploitation of products. Climate change is a new threat to mangroves: rising sea levels, changes in water temperature and ocean acidification are likely to affect the biodiversity, productivity and conservation values of this unique ecosystem.

click to download notice of seminar

10 Feb. 2015 - Simone Fior

Seminar Simone Fior

Pattern genomici rivelano i geni coinvolti nell’adattamento all’altitudine in garofano (Dianthus)

Presenta: Simone Fior
Plant Ecological Genetics, ETH Zurich, Svizzera

L’ambiente alpino comprende una moltitudine di habitat caratterizzati da specifici fattori ecologici. Una componente fondamentale che determina la variabilità ecologica all’interno dell’area di distribuzione delle specie è l’altitudine, in quanto con essa variano drasticamente fattori abiotici e, di riposta, anche quelli biotici. La conoscenza attuale sulla genetica alla base dei processi di adattamento all’altitudine nelle piante è ancora limitata, e spesso basata su piante modello in cui la ricerca è facilitata da ampie risorse genomiche. Questo progetto si propone di identificare i geni coinvolti nell’adattamento all’altitudine nelle popolazioni alpine di garofano (Dianthus), utilizzando un approccio genomico volto a rilevare regioni sottoposte a selezione naturale. Utilizzando D. sylvestris e D. carthusianorum come sistemi di studio, abbiamo assemblato il genoma per ciascuna delle specie per consentire lo studio di genomica di popolazione e identificare pattern di selezione. I risultati finora ottenuti mostrano evidenze di "selective sweeps" in regioni contenenti geni con funzioni associate a fattori legati all’altitudine.

click to download notice of seminar

27 Gen. 2015 - Marco Isaia

Seminar Marco Isaia

Ecologia e sistematica dei ragni italiani, concetti base e applicazioni

Presenta: Marco Isaia
Università degli Studi di Torino

Dopo una breve introduzione di carattere zoologico sistematico, verranno illustrati i principi e le caratteristiche che rendono i ragni dei potenziali indicatori biologici, con riferimenti alla loro posizione trofica e all'estrema diversificazione delle tecniche predatorie. A corredo del discorso verrà fornito un quadro di riferimento della fauna italiana e verranno illustrati diversi studi di ecologia applicata condotti in Italia negli ultimi anni dal gruppo di lavoro dell'Università di Torino.

click to download notice of seminar