19 dic. 2017 - Cristina Viani

20171219 Seminario Viani

Dinamiche dei laghi glaciali legate all'arretramento dei ghiacciai: evidenze passate e scenari futuri nelle Alpi Occidentali Italiane

Presenta: Cristina Viani

Dipartimento di Scienze della Terra, Università di Torino

Il progressivo arretramento e la scomparsa delle masse glaciali, iniziato a partire dalla fine della Piccola Età Glaciale (PEG 1850 ca.), ha prodotto e sta producendo delle modifiche sostanziali negli ambienti di alta quota: una delle conseguenze più evidenti e rilevanti è la comparsa di laghi glaciali.
E' di fondamentale importanza ricostruire le dinamiche di formazione ed evoluzione dei laghi glaciali partendo dallo studio delle evidenze passate attraverso l'analisi di documentazione storica (carte topografiche e resoconti delle campagne glaciologiche annuali) e di immagini telerilevate (ortofoto aeree e satellitari). Grazie poi all'applicazione di modelli esistenti per la ricostruzione della topografia del substrato roccioso al di sotto dei ghiacciai attuali, è possibile fare delle previsioni circa la potenziale localizzazione di laghi futuri che potrebbero formarsi una volta che le masse glaciali si saranno ulteriormente ritirate.
L'integrazione dei dati sulle evidenze passate e sugli scenari futuri permette di avere un quadro alla scala spaziale e temporale molto ampio, utile non solo ai fini della ricerca scientifica ma anche per la pianificazione territoriale in vista di eventuali utilizzi o di potenziali rischi legati alla presenza dei laghi.

click to download notice of seminar

12 dic. 2017 - Francesco Dondero

20171212 Seminario Dondero

Il genoma del mitilo dorato Limnoperna fortunei

Presenta: Francesco Dondero

Università del Piemonte Orientale, Alessandria

Il mitilo dorato Limnoperna fortunei è un bivalve asiatico che ha invaso le acque superficiali del Sud America percorrendo 5.000 km a monte dei grandi fiumi del continente, posizionandosi minacciosamente alle porte del grande bacino Amazzonico. Lungo il suo inesorabile percorso ha modificato profondamente la struttura degli ecosistemi e ha causato ingenti danni economici.
Francesco Dondero e i suoi colleghi hanno sequenziato il genoma completo della mitilo dorato confrontandolo con quello di altri nove molluschi al fine di comprendere le basi molecolare della sua invasività e ricercare metodi innovativi per controllarla.

click to download notice of seminar

28 nov 2017 - Rocco Tiberti

20171228 Seminario Tiberti

I pesci invadono le Alpi: perché i laghi di montagna dovrebbero rimanere senza pesci?

Presenta: Rocco Tiberti

DSTA - Dipartimento di Scienze della Terra e dell'Ambiente – Università di Pavia

Nell'immaginario collettivo i laghi d'alta quota sono ambienti incontaminati, ma l'impatto delle attività umane raggiunge anche questi ambienti remoti. Nel corso del seminario Rocco Tiberti parlerà di conservazione dei laghi d'alta quota e, in particolare, dell'introduzione di pesci predatori al loro interno. I laghi d'alta quota sono naturalmente privi di pesci e la loro introduzione rappresenta un importantissimo fattore di impatto ecologico. Per comprendere la natura e la profondità dell'impatto ecologico sarà necessario calarsi nel teatro discreto della vita di una miriade di piccoli organismi acquatici che popolano questi ambienti (zooplancton, insetti acquatici e anfibi). I contenuti del seminario si basano sull'esperienza maturata presso il Parco Nazionale Gran Paradiso, impegnato per la conservazione dei laghi d'alta quota da più di 10 anni. Nel corso del seminario verranno discusse le problematiche di conservazione legate all'introduzione di pesci in alta quota e le possibili soluzioni e misure di conservazione

click to download notice of seminar

21 nov. 2017 - Alice Brambilla

20171121 Seminario Brambilla

Lo stambecco alpino e i cambiamenti climatici: ricerche in corso al Parco Nazionale Gran Paradiso

Presenta: Alice Brambilla

Parco Nazionale Gran Paradiso

L'incontro ripercorrerà le tappe più importanti della storia recente dello stambecco alpino, dal rischio di estinzione del 19° secolo alle grandi azioni di reintroduzione fino alla distribuzione e alle problematiche attuali. Attraverso i risultati delle più recenti ricerche in corso nel Parco Nazionale del Gran Paradiso, verranno messe in luce alcune caratteristiche che rendono questa specie emblematica, all'apparenza così forte, potenzialmente vulnerabile.

click to download notice of seminar

14 nov. 2017 - Giorgio Chiozzi

20171114 Seminario Chiozzi

Pesci nel deserto: l'insolita ittiofauna della Depressione Dancala dell'Africa nordorientale

Presenta: Giorgio Chiozzi

Museo Civico di Storia Naturale di Milano

La Depressione Dancala dell'Africa nordorientale è uno dei luoghi più estremi della Terra. Una zona deserta situata ben al di sotto del livello del mare e una volta essa stessa parte del Mar Rosso, questa giovane e geologicamente tormentata porzione del Rift dell'Africa Orientale fu per lungo tempo trascurata da esploratori e scienziati a causa del clima proibitivo, delle difficoltà del terreno e del popolo degli Afar famosi per la loro fierezza e spietatezza nel trattare con visitatori stranieri.
La scoperta di Danakilia franchettii nei ruscelli termali che alimentano il Lago Afrera in Etiopia e la sua successiva descrizione sono rimasti fatti isolati per oltre 80 anni. Le molte speculazioni scientifiche sulla sua origine e le sue parentele tassonomiche non hanno portato a molto per la mancanza di dettagli biologici e molecolari e la specie è stata considerata come una stranezza africana isolata fino alla scoperta nel lago Abaeded, un lago vulcanico eritreo, di una seconda specie morfologicamente differenziata che venne descritta nel 2010: Danakilia dinicolai.
La recente esplorazione della Depressione Dancala ha portato alla scoperta di nuove popolazioni del genere Danakilia e del genere Aphanius e alla definizione di nuovi scenari sull'evoluzione dell'area e della sua ittiofauna.

click to download notice of seminar